Seguici su 
Le associazioni sul territorio
IN PRIMO PIANO     » L'esperto risponde     » Area Giovani     » Area Soci     » News     » Fotogallery     » Video

Guida Assist

Pubblicata la nuova guida Assist a sostegno dei diritti delle persone che usano cateteri per cateterismo intermittente

La nuova Guida Assist, dedicata agli utilizzatori di cateteri per cateterismo intermittente, tratta un argomento di fondamentale importanza: i diritti della persona in materia di assistenza integrativa, con particolare attenzione al riconoscimento dell'accesso gratuito ai dispositivi medici.

 

La guida ha lo scopo di aumentare la consapevolezza delle persone disabili sui propri diritti ed è particolarmente significativa a causa della difficile situazione normativa vigente. Lo strumento di riferimento in materia, infatti, è ancora oggi il Decreto Ministeriale 332 del 27 agosto 1999 (Nomenclatore Tariffario protesi ed ausili), che portò all’introduzione di gare e procedure pubbliche d’acquisto centralizzato.

 

Di conseguenza ancora oggi la modalità di determinazione dei prezzi e dei fornitori viene interpretata e applicata in maniera eterogenea nelle varie Regioni, determinando una disparità di trattamento per gli assistiti. Prestazioni e modalità di trattamento diverse da Asl ad Asl sono le principali conseguenze che le persone, che necessitano di ausili come i cateteri per cateterismo intermittente per una cura e una riabilitazione appropriata, si trovano ad affrontare.

 

 

 

   Scarica la Guida Assist 2012


L’importanza di essere consapevoli dei propri diritti

Conoscere i propri diritti è il primo passo importante per farli rispettare

 

Il “I Rapporto sull’assistenza protesica e integrativa - Percorsi critici, qualità della vita e buone pratiche”, presentato nel luglio del 2011, ha reso noti i risultati di una ricerca svolta sul territorio nazionale dall’Agenzia di Valutazione Civica di Cittadinanzattiva.

È emerso che il 50% degli aventi diritto non ha invece consapevolezza dei propri diritti e che ben un terzo degli aventi diritto ha quantitativi di ausili insufficienti, perché non conosce la quantità specifica di pezzi che gli spetterebbero per legge.

Molti non sanno che il Nomenclatore Tariffario (il documento emanato e periodicamente aggiornato dal Ministero della Salute che stabilisce la tipologia e le modalità di fornitura di protesi e ausili a carico del Servizio Sanitario Nazionale) prevede la possibilità di scegliere un ausilio diverso se prescritto da uno specialista. È il diritto alla libera scelta, e va fatto valere.

È con questo scopo che Wellspect HealthCare, azienda internazionale leader nella fornitura di dispositivi medici e di servizi innovativi nel campo dell’Urologia e della Chirurgia, con il coinvolgimento attivo delle Associazioni FAIP (Federazione delle Associazioni Italiane Paratetraplegiche) e ASBI (Associazione Spina Bifida Italia) e di personale referente della protesica nelle aziende sanitarie, ha realizzato ASSIST, una nuova guida sul tema dell’assistenza e dei diritti delle persone che utilizzano cateteri per cateterismo intermittente. L’obiettivo è quello di guidare la persona verso l’acquisizione di una totale consapevolezza sui propri diritti in tema di assistenza integrativa, con particolare attenzione al riconoscimento dell’accesso gratuito ai dispositivi medici monouso ad utilizzo ripetuto e giornaliero.

Lo strumento normativo vigente in materia è ancora oggi il Decreto Ministeriale 332 del 27 agosto 1999 (ovvero il già citato Nomenclatore Tariffario), che definisce le persone aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica e integrativa, il percorso per l’erogazione, l’elenco e i requisiti degli ausili erogabili.

Di fatto il Decreto ha introdotto gare e procedure pubbliche di acquisto centralizzato che sono tuttavia il principale ostacolo alla personalizzazione della fornitura prevista dai piani terapeutici riabilitativi individuali. E ancora oggi la conseguente modalità di determinazione dei prezzi e dei fornitori viene interpretata ed applicata in maniera eterogenea nelle varie regioni, determinando una disparità di trattamento, in relazione alla regione e all’azienda sanitaria di appartenenza, e il disorientamento degli assistiti.

Questi sono i principali ostacoli che si trovano di fronte le persone che necessitano di ausili, come per esempio i cateteri per cateterismo intermittente.

ASSIST può essere un aiuto per assicurarsi una cura e una riabilitazione appropriata e la personalizzazione della fornitura prevista dai piani terapeutici individuali.